“Naso di cane”: un romanzo dimenticato

Naso di cane è un romanzo dimenticato. Scritto e pubblicato da Attilio Velardi (ben più noto per La mazzetta) nel 1982, è una sorta di instant book, come si dice spesso nel gergo letterario. Si tratta, infatti, di un libro che descrive esattamente che cosa fosse Napoli agli inizi degli anni 80. Ancora prima, quindi, … Continua a leggere “Naso di cane”: un romanzo dimenticato

Perché i protagonisti dei romanzi maschili sono spesso antipatici

Non leggo molti romanzi e ho già spiegato il perché , ma mi sono imposta di leggerne dai cinque ai dieci l'anno, contro le decine e decine di saggi che mi fanno da lettura della buonanotte (e non solo). Quando leggo un romanzo cerco, come tutti, di gustarmi la storia dalla prima all'ultima parola, assaporandone … Continua a leggere Perché i protagonisti dei romanzi maschili sono spesso antipatici

“La Luce dentro”: Rocco Speranza e la musica

Rocco Speranza, il protagonista del mio primo romanzo, La luce dentro, ha una grande ragione di vita: la musica. Prende lezioni di pianoforte in giovane età e il professor Chiariello, che gli ha insegnato a suonare questo meraviglioso strumento, a un certo punto è costretto ad ammettere che "l'allievo ha superato il maestro". Tempo dopo, … Continua a leggere “La Luce dentro”: Rocco Speranza e la musica

Perchè non mi piace Roberto Saviano

L'immagine è di chi ne detiene i diritti Quando era appena uscito il libro Gomorra, nel 2006, mi ero incuriosita e lo avevo comprato, perché a me, che amo informarmi sulle mafie fin da quando ero piccolissima, faceva immensamente piacere leggere un giovane autore mio coetaneo e "appassionato" degli stessi argomenti di sui sono sempre … Continua a leggere Perchè non mi piace Roberto Saviano

“La luce dentro”: le donne di Rocco Speranza

Rocco Speranza, protagonista del mio primo romanzo, uscito nel 2007 e ripubblicato nel 2017, non è descritto come il prototipo del bell'uomo. No, non è brutto, ma non è bello. A modo suo, però, è figo e la sua vita contempla diverse donne, che perdono tutte la testa per lui. Sono tante, per la verità, … Continua a leggere “La luce dentro”: le donne di Rocco Speranza

“L’amica geniale”, “La luce dentro” e l’amore per il sapere

(l'immagine appartiene a chi ne detiene i diritti) Chi ha guardato la serie su Rai Uno? In tanti, secondo le più rosee previsioni. Chi ha letto i romanzi? In tanti, perché è stato un successo letterario. Parlo de L'amica geniale,  romanzo di Elena Ferrante, di cui non sappiamo la vera identità(ma ci importa davvero?), da cui … Continua a leggere “L’amica geniale”, “La luce dentro” e l’amore per il sapere

“La luce dentro” e il clan Speranza: i suoi principali esponenti

A un certo punto, la vita di Rocco Speranza prende una piega particolare, precisamente nel 1972, quando alcune vicissitudini lo mettono davanti a un bivio, per poter sopravvivere: provare o lasciare? E Rocco ci prova. A far cosa? A inserirsi nel mercato delle sigarette di contrabbando, a cui fa capo Don Vito Scarano, personaggio apparentemente … Continua a leggere “La luce dentro” e il clan Speranza: i suoi principali esponenti

Perché leggo più saggistica che narrativa (ma poi scrivo romanzi e non saggi)

Mi piace scrivere e, chi da un po' sta seguendo questo blog, dovrebbe averlo capito. Non mi piace scrivere in modo difficile né in maniera artificiosa, perché con i cosiddetti "esercizi di stile" non si arriva da nessuna parte e, soprattutto, non si arriva alle persone. Scopo della scrittura è proprio quello di giungere fino … Continua a leggere Perché leggo più saggistica che narrativa (ma poi scrivo romanzi e non saggi)