Raffaele Cutolo, guru del male

In evidenza

A destra, Raffaele Cutolo negli anni 80 Muore Raffaele Cutolo, il boss più atipico della camorra campana e che, per un periodo(con strascichi che arrivano fino a oggi), ha esercitato la sua influenza su generazioni di giovani, votandoli a un baratro di cui non sempre erano consapevoli. Un personaggio su cui, anche per molto tempo, … Continua a leggere Raffaele Cutolo, guru del male

Libro vs ebook: chi vince? Entrambi, perché la cultura vince sempre

Photo by Mark Cruzat on Pexels.com Una battaglia dura, durissima, talmente dura da diventare quasi impercettibile: quella tra libro cartaceo e ebook. Chi vince? Entrambe le soluzioni C'è una disputa silenziosa o, meglio, non fa rumore, se non altro perché l'argomento toccato è sempre meno gettonato: la lettura. La gente non legge o, per lo … Continua a leggere Libro vs ebook: chi vince? Entrambi, perché la cultura vince sempre

Il peggior sintomo è un’umanità divisa

Oh, no, un articolo sul covid-19. Ma non se ne parla abbastanza? Non se ne può più! Infatti, questo articolo non parla di covid, ma di qualcosa di ben peggiore: un'umanità divisa e ripiegata sulla reciproca cattiveria. Che non porterà da nessuna parte. Il 2020, l'anno dell'esplosione della pandemia da Covid-19, quella del "virus importato … Continua a leggere Il peggior sintomo è un’umanità divisa

Ma quanto era bello Myspace?

Chi ricorda Myspace? Era il primo vero modo di fare social network nel mondo, prima che Facebook frantumasse la sua importanza. Eppure, il sito esiste ancora, ma è totalmente diverso e, ironia della sorte, ci si logga anche con Facebook e Twitter Ma quanto era bello Myspace.com? Era, prima di tutto, una piattaforma per artisti … Continua a leggere Ma quanto era bello Myspace?

2 agosto 1980: una strage di tutti noi

No, non parlerò di politica o di teorie trite, ritrite e così STRASCRITTE. Per la verità deve pensarci lo Stato, che deve impegnarsi per restituire dignità alle vittime e a noi come cittadini. Certamente non io, che sono meno di nessuno. Però del mio incontro con Paolo Bolognesi, presidente dell'Associazione familiari delle vittime della strage … Continua a leggere 2 agosto 1980: una strage di tutti noi

Live Aid: quando ci sentivamo ricchi da dirlo con un concerto benefico

foto dal web Nel 2020, 35 anni anni dopo quel 13 luglio 1985, in tanti parlano del LIVE AID e di cosa fu. Si straparla e si strascrive. Quindi, anche un blog strascritto e strainutile come questo può parlarne. Però mi era venuto in mente di farlo con due pensieri: come ho vissuto quel giorno … Continua a leggere Live Aid: quando ci sentivamo ricchi da dirlo con un concerto benefico

27 giugno 1980: “lo stadio era pieno”(cit.), un aereo spariva dai radar e…

...io, alle 6.30 di mattina, compievo 2 mesi esatti. E chi se ne frega! In effetti, il mio compiere 2 mesi non era nulla rispetto a quanto accaduto quella giornata. Punto primo è che io non sono assolutamente nessuno, punto secondo, è che una giornata simile è riuscita a contenere due eventi agli antipodi: Il … Continua a leggere 27 giugno 1980: “lo stadio era pieno”(cit.), un aereo spariva dai radar e…

29/5/1985, il giorno bruttissimo della fine del calcio

foto dal web Un giorno così "strascritto", quello che ricorda i 35 anni della tragedia allo stadio Heysel di Bruxelles. Qui, però, troverete i miei ricordi, di quel maledetto giorno. Perché lo ricordo come se fosse ora. E se ci penso sto male, perché da allora la mia percezione del calcio non è stata più … Continua a leggere 29/5/1985, il giorno bruttissimo della fine del calcio

Aprile 1985: a Pizzolungo una strage “diversa”.

Barbara Rizzo e i suoi gemellini Giuseppe e Salvatore Certamente, se mi mettessi a scrivere di tutte le stragi, credo che dovrei aprire altri blog, una marea: uno per quelle mafiose con vittime tra malviventi; uno per le vittime incensurate; uno per le vittime del terrorismo, ecc. Poi magari dovrei parlare delle stragi fuori dai … Continua a leggere Aprile 1985: a Pizzolungo una strage “diversa”.

Vivere ai tempi del Covid-19 come nella Germania Est pre-caduta del Muro

Photo by Anna Shvets on Pexels.com La Natura mi ha dotata di una testa che si sovraccarica eccessivamente di pensieri e, talvolta, di paranoie. Pensare troppo non è bello, assolutamente. Non posso, perciò, definirmi una persona serena al 100%, perché penso troppo: è così non dico fin dalla mia nascita, ma quasi. In tutto questo … Continua a leggere Vivere ai tempi del Covid-19 come nella Germania Est pre-caduta del Muro